ESCURSIONI NELLA VALLE DELL’ORTA

Luogo: 6 min

La Valle dell’Orta

Siamo tra le alte montagne del Morrone e della Maiella in un canyon naturale che la natura e il lavoro incessante dell’acqua hanno creato nel corso di millenni. La valle si estende per circa 370 ettari ed è all’interno del Parco Nazionale della Maiella. Nei boschi della Riserva si alternano numerose specie vegetali con caratteri spiccatamente mediterranei.
Il paesaggio circostante è denominato “Piano dei Luchi”: una valle costellata di numerosi torrioni monolitici di roccia calcarea, alti anche più di 30 metri, anch’essi formatisi per l’azione erosiva dell’acqua del fiume.
La valle dell’Orta ha davvero molto da offrire in termini di itinerari immersi nella natura, aree protette e paesaggi da sogno che possono rappresentare il perno di un semplice pomeriggio o addirittura di un intero weekend.
Questa valle, per la sua particolare posizione geografica, fu un luogo adatto all’insediamento umano già in tempi antichi. Qui sono numerose le grotte con testimonianze di pitture rupestri risalenti all’epoca Neolitica. Tra le più importanti la Grotta dei Piccioni e la Grotta Scura nel territorio di Bolognano.
Gli amanti dell’acqua non potranno non sentirsi irrimediabilmente attratti da questo territorio in cui domina il tratto del fiume Orta.
Un’escursione alla cascata de “La Cisterna” vi permetterà di godere di un pittoresco alternarsi tra fitti boschi e aree antropizzate in modo selvaggio e discreto,  sempre incorniciate dal fiume.
Le rapide di Santa Lucia chiamate anche Marmitte dei Giganti, sono sicuramente uno dei punti più spettacolari dell’intera valle del fiume Orta. Qui la forza dell’acqua nei millenni ha lavorato la roccia calcarea scavando canaloni, creando salti e inaccessibili canyons tanto affascinanti quanto pericolosi. Tanto che diversi percorsi sono chiusi e vietati al transito.

Visitare la Valle dell’Orta

Proprio a causa della pericolosità di alcuni luoghi, per avere informazioni sempre aggiornate sui sentieri da poter percorrere, è possibile rivolgersi al Centro visite della Riserva, situato nel paese di Bolognano, oppure alla cooperativa Majambiente che organizza diverse escursioni guidate.

Le grotte della Valle dell’Orta

La Valle dell’Orta è costellata da una serie di grotte, alcune di rilevante interesse archeologico. Tra tutte, meritano di essere menzionate la Grotta dei Piccioni e la Grotta Scura.

Grotta dei Piccioni

E’ posta su uno sperone di roccia a picco sulla vallata e sul fiume Orta, nei pressi di Bolognano. In passato era adibita a luogo di riti e di culto tant’è che qui furono rinvenuti oggetti dell’era della Pietra. Successivamente è stata frequentata ed usata anche per catturare e allevare – come denota il nome della grotta – i piccioni.
La si raggiunge dal centro di Bolognano con una passeggiata di circa 20-25 minuti ma al momento è chiusa e non visitabile.

Grotta Scura

Questo itinerario è ottimo per chi cerca un’escursione semplice e breve, per godersi la natura, passeggiare nella quiete della Valle dell’Orta. Perfetto da svolgere in famiglia, con bambini o anche da soli per rilassarsi e ritrovare se stessi.
Da contrada Santa Liberata, a Madonna del Monte, una frazione di Bolognano, è possibile arrivare alla  grotta.
Tutto il sentiero è percorribile con facilità e un po’ di accortezza da grandi e piccini.
La Grotta Scura, lunga quasi 4 chilometri, ha una grande apertura laterale che si affaccia sull’intera valle e da qui è possibile ammirarne il panorama.

Sentiero della Cisterna

Un’altra passeggiata, semplice ma immersa nella natura, è quella che conduce alla Cisterna, autentica piscina naturale, che raccoglie rivoli d’acqua formando una spettacolare e limpidissima cascata.

Al momento non è consentito arrivare fino alla cisterna a causa di una frana avvenuta circa 3 anni fa ma è possibile raggiungere il fiume. Occorre arrivare nel paese di Bolognano e giunti a Largo Sant’Antonio, di fronte la Chiesa di Sant’Antonio Abate, seguire le indicazioni presenti su di un cartello, procedendo lungo il sentiero sterrato.

Ad un certo punto si interromperà parzialmente; ve ne accorgerete dalla presenza di transenne. Il sentiero devia a sinistra per scendere verso il fiume Orta.  Durante la discesa si possono notare fasce di rocce, intravedendo sul lato opposto le “Ripe”, imponenti pareti di roccia calcarea che caratterizzano questa zona.  E’ una passeggiata breve e adatta a tutti. Una volta arrivati a ridosso delle acque del fiume Orta il sentiero si perde. Da qui si può procedere sia a destra che a sinistra, alla ricerca del posto adatto ad una tappa per riposarsi e godere della natura e del fresco. Il ritorno avviene sulla strada dell’andata.

Consigli su cosa fare e vedere 

Se quindi state organizzando una vacanza o un weekend nella valle dell’Orta e nei suoi dintorni… beh, potete permettervi di dimenticare tutto, ma non dimenticate di portare con voi delle scarpe comode per cimentarvi in queste bellissime escursioni.
I periodi migliori per percorrerli sono la primavera o l’autunno, ma anche l’inverno (da queste parti il clima è molto mite anche nei mesi più grigi). Per chi vuole affrontarli durante la stagione estiva un accorgimento: portate sempre con voi scorte di acqua, cappellino e crema solare per proteggervi dal sole.

Se invece non amate fare escursioni ma preferite visitare i borghi sappiate che qui avrete l’imbarazzo della scelta.
I borghi della Valle dell’Orta da visitare

Ancora, se siete alla ricerca di suggestive passeggiate diverse dal solito ecco quello che fa per voi. I luoghi da non perdere nei dintorni

Consigli su dove alloggiare

Bio Agriturismo Laperegina

Bio Agriturismo l'Ape Regina - Abruzzo

Siamo stati ospiti di questa incantevole struttura durante un weekend di Giugno e abbiamo percepito come l’energia della natura sappia far dimenticare il superfluo ed ispirare il presente. Ecco come ci siamo sentiti: ispirati.

L’Agriturismo Biologico Laperegina è situato vicino al piccolo e caratteristico paese di Corvara, in un luogo senza tempo e senza fretta. In questa zona d’Abruzzo i borghi e le bellezze storico-artistiche da visitare sembrano non finire mai, e non finiscono mai di stupire! L’atmosfera è rilassata e i proprietari, Marino e Elide, sono sempre presenti e dedicano agli ospiti tutte le loro energie dalla mattina alla sera.

Bio Agriturismo l'Ape Regina - Abruzzo

L’ambiente è particolarmente indicato per gli amanti del silenzio e della pace ma anche per sportivi ed escursionisti. E’ una palestra all’aria aperta dove godere il piacere di una vacanza nella natura, genuina e, perché no, alternativa, scegliendo itinerari fuori dai circuiti più battuti e scovando prodotti tipici meno noti.

Bio Agriturismo l'Ape Regina - Abruzzo

Circondato da boschi e colli, l’agriturismo domina il paesaggio con il suo ampio affaccio sulla vallata, suggestiva cornice di pranzi e cene all’aperto. Qui, solo per gli ospiti, vengono preparati piatti semplici e saldamente attaccati alla tradizione, seguendo la stagionalità e utilizzando principalmente i prodotti freschi dell’orto e della fattoria.

La struttura offre ai visitatori 6 camere, diverse tra loro, curate, accoglienti ed in perfetta armonia con l’ambente circostante. Potrete addirittura scegliere se dormire su un albero o sotto le stelle… L’Ape Regina va oltre il concetto di Bed & Breakfast: è un agriturismo dove si impara ad amare la natura, a rispettarla con il piacere di stringere con essa uno stretto contatto.

Marino, oltre ad organizzare al meglio le vostre vacanze, ha ideato il Forest Bathing per suggerire un modo salutare di rilassamento, riscoprendo sensazioni che fanno parte di ognuno di noi.

Bio Agriturismo l'Ape Regina - Abruzzo

Che la natura sia fonte di benessere psicofisico per l’uomo non è certo una novità! Ma se ancora non conoscete questa nuova frontiera del viaggio esperienziale e consapevole, vi spieghiamo perché immergersi nei boschi fa bene alla salute. Il Forest Bathing è una pratica di benessere molto antica. Lo sanno bene i giapponesi che hanno coniato un termine preciso per indicare il fatto di trarre giovamento dall’atmosfera dei boschi e delle foreste.

Bio Agriturismo l'Ape Regina - Abruzzo

Loro lo chiamano Shinrin-Yoku, ovvero “Bagno-doccia nella foresta”. Conosciuto anche come Forest Therapy o Nature Therapy, si tratta di una pratica di “immersione benefica” capace di far riscoprire attraverso i sensi la totale vicinanza alla natura. Tanto più lentamente vi muoverete nel bosco, tanto più numerose saranno le sensazioni che potrete raccogliere. Questa pratica si può eseguire da soli o accompagnati da qualcuno che faccia da guida in questa esperienza che si rivela unica ogni volta.

Diversi sono i sentieri che partono dal B&b per praticare forest bathing in libertà in un luogo ricco di biodiversità.

Noi abbiamo camminato dolcemente nel bosco, percependone i profumi, osservando le luci e le sfumature dei colori, rafforzando una connessione emozionale con il paesaggio.

Bio Agriturismo l'Ape Regina - Abruzzo

Cuore, calore e passione nel praticare accoglienza sono gli ingredienti di questo bio agriturismo       nel proporre un pout pourri di dettagli che “accarezzano” la mente e che rendono un soggiorno qui, unico e speciale.

 

Noi di questo weekend porteremo nel cuore diversi momenti… le indimenticabili notti illuminate dalle lucciole, i racconti di Marino e la cena conviviale con tutti gli ospiti.

Precedente
I SUONI DEL PARCO NAZIONALE DEL GRAN SASSO E MONTI DELLA LAGA
ESCURSIONI NELLA VALLE DELL’ORTA

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy