IL LAGO DI BARREA E I SUOI BORGHI

Siamo nel cuore del Parco Nazionale d’Abruzzo, tra le pendici del Monte Mattone e il fiume Sangro.
Oggi vi portiamo a visitare i tre paesi che sorgono intorno al lago di Barrea, le cui acque sono state dichiarate balneabili proprio in questi giorni.

COSA FARE E COSA VEDERE SUL LAGO DI BARREA:

IL LAGO

Il lago di Barrea è perfetto per fare un picnic lungo le sue sponde, per rilassarsi e praticare sport e, in questi giorni d’estate, anche per tuffarsi nelle sue limpide acque. Si trova a 1000 mt. di altitudine, nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, circondato dai monti Marsicani. Si tratta di un bacino artificiale nato dopo la realizzazione della Diga di Barrea, avvenuta intorno al 1950.  E’ profondo al massimo 35 m ed è perfettamente inserito nel paesaggio.

Lungo le sponde del lago è possibile trovare diverse spiagge attrezzate con lettini, ombrelloni e chioschi bar per ristorarsi.

Tra gli sport acquatici da praticare in un week end sul lago ci sono il windsurf, il kayak, il pedalò o il sup. Inoltre il lago offre un piacevole tratto di passeggiata lungo la sua sponda orientale, da percorrere in bicicletta o a piedi. E ancora passeggiate a cavallo e giri con Pony per i bambini.

Per le famiglie il lago rappresenta una meta ideale per facili passeggiate immersi nella natura, che permettono ai più piccoli di respirare un po’ di aria pura.

Le bambine, dopo il pranzo consumato sul nostro bel tavolino pieghevole piazzato sul prato in prossimità del lago, si sono divertite ad osservare la moltitudine di pesci, alcuni di grandi dimensioni, che nuotavano facendo capolino a pelo d’acqua.

Il lago, infatti, è ricco di carpe, tinche, barbi, cavedani e trote. Inoltre è il luogo ideale per il birdwatching: lungo le sue rive nidificano l’airone cenerino, il Germano reale e tante altre specie. E tra la vegetazione circostante vivono orsi, cervi, cerbiatti, lupi e rospi.

IL BORGO DI BARREA E IL CASTELLO CON VISTA LAGO

Se volete godere la vista delle acque lacustri dall’alto, niente di meglio che salire al
Castello di Barrea, costruito tra il XI e il XII sec. Nel paese si passeggia su stradine di ciottoli, tra case in pietra e chiese antiche.
A pochi chilometri si trova un altro bellissimo borgo di epoca trecentesca, Villetta Barrea.
E’ il punto di partenza perfetto per gli escursionisti infatti, proprio da qui, partono sentieri alla scoperta di numerosi punti di interesse: i laghi Vivo, Pantaniello e di Barrea al rifugio Resuni.

VILLETTA BARREA “IL PAESE DEI CERVI”

La nostra passeggiata nel paese ci ha fatto scoprire tantissimi palazzi signorili del 500 e del 600, dai grandi portali d’ingresso, costruiti per far passare anche le carrozze con i cavalli. È ancora ben visibile anche la Torre del Castello, restaurata di recente. Da Villetta Barrea partono tanti percorsi escursionistici e sentieri immersi nella natura.
Ma noi oggi siamo ancora a caccia di storia e decidiamo di fare visita ad un altro importante borgo vicino al lago.
Nel borgo, attraversato dal fiume Sangro che si addentra in una gola dai ripidi fianchi boscosi prima di immettersi nel vicino Lago di Barrea, i cervi sono di casa tra i boschi e le montagne dalla ricca varietà di flora e fauna.
Tra una natura incontaminata, boschi di faggio e di pino nero, è molto probabile che, passeggiando per il paese, possiate incontrare qualche cervo, fenomeno che le ha fatto guadagnare l’appellativo di “paese dei cervi”.

CIVITELLA ALFEDENA E LE AREE FAUNISTICHE

Si va a Civitella Alfedena, congiunta al lago con un percorso che dopo aver attraversato una pineta porta al ponte vecchio e poi sulle sue sponde. Sulla parte alta del paese troviamo l’area faunistica della lince; è possibile visitare nei pressi del borgo anche il Museo e l’area faunistica del lupo.
Civitella Alfedena ha una storia antica, che inizia nel Paleolitico e prosegue con il divenire Cittadella fortificata tra il 300 e il 400. Le case qui sembrano essere state costruite per fare quasi da muro di difesa contro i nemici e le dure condizioni meteorologiche dell’inverno. Siamo a 1123 m. di altitudine, nel cuore della catena montuosa marsicana.
Il borgo è ricco di palazzi seicenteschi e settecenteschi, e propone tanti prodotti tipici locali nelle sue botteghe. Bellissime le chiese e la casa-torre cilindrica che risale al 1400 ed è abitata ancora oggi. Nella parte alta del borgo, invece, abbiamo scoperto la Torre della Saettera, del 500, a dominare l’intera vallata.
Senza la visita a questi borghi, la vostra vacanza nella Riserva integrata del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise non sarebbe completa. Passare velocemente dal fascino degli antichi paesini alla natura è molto più facile di quanto immaginiate.

Capita di frequente di vedere cervi passeggiare tranquilli lungo le strade. Perciò andate piano e godetevi questi posti incantevoli adatti ad un turismo lento e riposante.

 

 

Per saperne di più guardate il nostro video, qui vi raccontiamo tutto!


PER AVERE MAGGIORI INFORMAZIONI SU COSA POTER VISITARE NELLE VICINANZE VI CONSIGLIAMO:


 

Precedente
GUIDA ALLE CASCATE DEL VERDE – BORRELLO
IL LAGO DI BARREA E I SUOI BORGHI

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy