PENNADOMO: GOLE, FALESIE E PANORAMI SOSPESI

Luogo: 2 min 182 Visualizzazioni

 

Si parte con una sosta tra i tornanti che precedono l’arrivo al paese.
In una delle ultime curve si intravedono delle gole, addentratevi con coscienza e caschetti di protezione, specialmente per i bambini. Siate responsabili e prudenti.
Gole di Pennadomo
Gole di Pennadomo
Gole di Pennadomo
Ascoltando il rumore della cascata, senza dovervi addentrare troppo, sarete presto condotti davanti ad uno scenario spettacolare, un piccolo canyon.
Vi sentirete davvero audaci avventurieri perchè la sensazione è che questi enormi lastroni di pietra possano cadere da un momento all’altro…ma state pur tranquilli, sono lì da secoli.
Poi continuate verso il paese, dove verrete accolti da una frase “sfida perenne tra uomo e natura”…perchè??! Lo scoprirete arrampicandovi sulla parte alta del borgo.
In Abruzzo sono tanti i borghi protetti o nati su speroni rocciosi e che si affacciano su vallate verdi, ma ce n’è uno speciale, che ha una meravigliosa vista su di un lago.
A Pennadomo si ha la sensazione di essere sospesi tra terra e cielo…
Il paesino si gira in poco tempo ma è uno di quei luoghi da gustarsi con calma, passeggiando tra le viuzze e le scalinate che vi condurranno fin sulla cima.
Pennadomo
Pennadomo
Pennadomo
Si arriva ad un belvedere che apre un’ampia vista sulle montagne circostanti e sul lago di Bomba e dal quale si ammirano anche le rovine del castello medievale.
Ma non è finita qui! Potrete salire ancora più in alto, grazie a dei gradoni in pietra (quasi 200!) che vi condurranno nel punto più alto e godere di una vista sui tetti del paese e del panorama sulla vallata del fiume Sangro.
Pennadomo
Pennadomo
Pennadomo
Inoltre potrete ammirare incredibili pinnacoli in pietra calcarea, perfettamente verticali, chiamati “penne” che hanno appunto dato il nome al paese.
Un tempo davano rifugio ai briganti, oggi sono la gioia dei free climbers.
Spendete in questo luogo magico qualche ora e, se non siete amanti delle arrampicate su roccia, potrete di certo visitare altri borghi, arrivare al lago e fare una tranquilla passeggiata.

SEI ALLA RICERCA DI CONSIGLI SULL’ABRUZZO?

Scrivici: ingiroapiunonposso@gmail.com

Precedente
ABRUZZO IN MINIATURA
PENNADOMO: GOLE, FALESIE E PANORAMI SOSPESI