A ZONZO PER LA VAL FONDILLO e dintorni

Luogo: 2 min 246 Visualizzazioni
Vi raccontiamo una giornata speciale…la scoperta della Val Fondillo che ci ha riservato una passeggiata dalle mille sorprese.
E’ un mondo fatato, dove tutto è curato e perfetto, nonché adatto a chi sceglie di visitarla con i bambini.
In questo articolo vi diamo alcuni spunti su come vivere al meglio la Valle.
Arrivati all’ingresso troverete un servizio accoglienza dove chiedere informazioni sul percorso più adatto a voi.
Non dimenticate di prendere la mappa che vi sarà molto utile.
Se avete voglia di fare escursioni guidate vi consigliamo di andare sul sito ufficiale VALFONDILLO.IT qualche giorno prima e prenotare.
Sono tantissime le iniziative promosse in questa zona e non solo in estate.
Noi appena arrivati abbiamo pranzato nell’area pic-nic attrezzata con tavoli e griglie e le bambine si sono divertite correndo sui prati e facendo amicizia con un bellissimo asinello.
Val Fondillo
Val Fondillo
Sono presenti numerosi servizi: ristoro, bar, nolo bici, tiro con l’arco, passeggiate a cavallo, conoscenza con gli asinelli e Museo della Foresta.
All’interno del parco sono segnalate diverse passeggiate di difficoltà e lunghezza variabile, adatte a tutte le esigenze, che consentono di raggiungere i punti di maggiore interesse.
Tra questi la sorgente “Tornareccia”, la “Grotta delle fate”, il “Rifugio dei briganti” e in quota il Monte Amaro.
Noi abbiamo scelto di percorrere il sentiero da soli, raccontando leggende e segreti antichi, ascoltando lo scorrere del ruscello e alla continua ricerca di incontri speciali.
E non è così difficile.Noi ci siamo avvicinati ad alcuni cavalli che riposavano sotto l’ombra di alberi secolari e abbiamo visto uno scoiattolo.
Qui vivono lupi, scoiattoli, cervi, camosci, cavalli e orsi.
Arrivati alle sorgenti della Tornareccia si attraversa il torrente passando su un ponte di legno e ci si trova in una meravigliosa faggeta con esemplari altissimi che con i loro rami abbracciano il cielo.

Si resta incantati con il naso all’insù, ci sentiamo privilegiati ad essere qui.

Val Fondillo
Val Fondillo
Conclusa la passeggiata ci dirigiamo al piccolo borgo di Opi, arroccato su un costone di roccia circondato da montagne.
Tra i borghi più belli d’Italia, Opi è un centro ricco di storia, arte e cultura.
Opi
Opi
Opi
Simbolo del paese è la chiesa dedicata a San Giovanni Battista, molto carina anche la chiesa di Santa Maria Assunta che custodisce al suo interno dei dipinti del XIX secolo.
Nella parte alta del paese si trovano il Museo del Camoscio appenninico, il Museo dello sci e della montagna e il Museo della foresta e dell’uomo.
Opi
Opi
Veduta da Opi
Passeggiando tra i vicoli si incontrano botteghe che vendono prodotti enogastronomici e di artigianato tipici.
Intrufolatevi per sentirne i profumi e magari vi verrà voglia di comprare qualcosa di buono per cena.

Scopri qui altre imperdibili mete nei dintorni!!!

SEI ALLA RICERCA DI CONSIGLI SULL’ABRUZZO?

Scrivici: ingiroapiunonposso@gmail.com

Precedente
SU 2 RUOTE IN DIREZIONE PUNTA ADERCI
A ZONZO PER LA VAL FONDILLO e dintorni