5 SPIAGGE SELVAGGE LUNGO LA COSTA DEI TRABOCCHI

Luogo: 4 min 432 Visualizzazioni
L’Abruzzo offre spiagge per tutti i gusti ma voi siete alla ricerca di calette selvagge? Ecco la lista da tenere sempre a portata di mano per chi come noi cerca l’autenticità in ogni viaggio.
Abbiamo preparato per voi una selezione di 5 spiagge selvagge lungo la Costa dei Trabocchi ideali per single, coppie e famiglie con bambini. Ma anche per chi desidera fare attività sportiva, crogiolarsi al sole o ancora fare escursioni in natura.
Questo tratto di costa è uno spettacolo inimmaginabile di spiagge, calette, piccole insenature e scogliere. E non a caso alcune tra queste spiagge, più di una volta, si sono aggiudicate i primi posti nella classifica di “spiagge più belle d’Italia” non avendo nulla da invidiare a quelle della Sardegna o della Sicilia.
Le spiagge da non perdere, lungo la costa Adriatica, sono inserite in Riserve Naturali di estrema bellezza. E nonostante si trovino in tratti di costa tra i più incontaminati dell’Adriatico, sono comunque di facile accesso.

#Punta Aderci

Punta Aderci
Punta Aderci
Punta Aderci
Punta Aderci
Punta Aderci
L’incantevole spiaggia di Punta Aderci, all’interno dell’omonima Riserva, la si raggiunge percorrendo un sentiero molto piacevole, tra un brillante campo di grano, l’azzurro del cielo e del mare, e il verde della natura rigogliosa.
Non abbiate fretta di arrivare in spiaggia, inerpicatevi sul promontorio dal quale potrete godere di un panorama fantastico. A 26 mt sul livello del mare, è possibile ammirare l’intera riserva e i sottostanti fondali marini, da una parte il mare, dall’altra le campagne verdeggianti fino a raggiungere la Maiella.
Gli amanti del mare, del relax e della tintarella o chi, come noi, ama percorrere a piedi o in bicicletta i sentieri immersi nella natura incontaminata, troveranno sicuramente in Punta Aderci un paradiso.
Le spiagge della Riserva sono anche il luogo ideale per coloro che amano praticare sport acquatici come lo snorkeling perché nei pressi della scogliera si possono ammirare numerose specie.
Il consiglio è di andare presto al mattino o nel tardo pomeriggio, anche solo per ammirare il tramonto che ogni sera rinnova una grande emozione.

#Spiaggia di Libertini

Spiaggia di Libertini
Spiaggia di Libertini
Spiaggia di Libertini
Bagnata da un mare turchese davvero spettacolare, la spiaggia è riparata e il mare è quasi sempre calmo e cristallino. La si raggiunge sia via mare, passando da Punta Penna, sia scendendo dal promontorio della Riserva di Punta Aderci con un sentiero fatto di gradini.
Una spiaggia che alterna tratti sabbiosi e rocciosi ed è riparata dal vento, ideale per le famiglie, grazie ai bassi fondali perfetti per i bambini.
Diverse capanne costruite qua e là con i tronchi degli alberi portati dal mare, rendono la spiaggia ancora più accogliente e permettono di trovare un fresco riparo nelle giornate più calde, visto che le zone di ombra naturali sono pochissime. Noi siamo stati fortunati a trovarne una libera e Cloè e Isabel l’hanno sistemata come una vera e propria casetta. Qui non ci sono né bar, né stabilimenti balneari, tutto è costruito dalla natura.

#Ripari di Giobbe

Ripari di Giobbe
Ripari di Giobbe
Ripari di Giobbe
Questa spiaggia si trova poco prima di Ortona. La si raggiunge percorrendo un piccolo sentiero di 300 gradini, immerso in un suggestivo paesaggio naturalistico: l’omonima Riserva Naturale Regionale Ripari di Giobbe.
Una baia pittoresca dove ciò che impressiona sono le imponenti falesie che si succedono verso il mare, Ripari di Giobbe è una caletta quasi nascosta dall’acqua a tratti azzurra, a tratti blu, a tratti verde.
La spiaggia è ghiaiosa, le acque limpidissime e i fondali, perfettamente visibili, sono pronti per essere esplorati con pinne e maschere.
In acqua sono presenti molti scogli e alcuni escono in superficie quindi è possibile fare tuffi. Vi consigliamo però di portare scarpette adeguate in quanto è abbastanza difficile salire su di essi.
Qui troverete a disposizione un bar e un ristorante con servizi e docce.

#Punta Ferruccio

Punta Ferruccio
Punta Ferruccio
Punta Ferruccio
Punta Ferruccio
Con una spiaggia lunga e stretta di ciottoli e acque cristalline, tra due promontori rocciosi  a picco sul mare, è davvero un angolo di paradiso per la tranquillità che vi regna.
Tra tutte le spiagge citate è quella che ha un accesso un po’ più difficile ma la sua bellezza ripagherà ogni fatica! E’ raggiungibile via mare o a piedi attraverso un sentiero non proprio agevole; vi consigliamo di indossare scarpette da ginnastica.
Nell’ultimo lembo sud la spiaggia è frequentata anche da naturisti ed è illuminata dal sole fino al tardo pomeriggio.

#Ripari Bardella

Ripari Bardella
Ripari Bardella
Ripari Bardella
Ripari Bardella
Una spiaggia di ciottoli con il suo scenografico trabocco Punta Mucchiola dove la rigogliosa vegetazione fa da cornice a un mare trasparente e pulito.
Ci si arriva da San Vito Marina con una passeggiata sulla pista ciclabile oppure è possibile parcheggiare la macchina in uno slargo lungo la SS16 dopo il ponte Mucchiola (a sinistra venendo da sud) e percorrendo poi un sentiero sterrato che conduce alla ciclabile, seguendo le indicazioni per il trabocco.
Qui riuscirete a ritagliarvi il vostro angolo di pace tra mare e sole in una spiaggia completamente libera e potrete rinfrescarvi nelle acque cristalline fino al tramonto.
Una spiaggia di ciottoli e rocce dove potersi sdraiare tra un tuffo e l’altro e ricca di fondali da esplorare con la maschera.

Precedente
ANDIAMOCI PIANO: METE SLOW IN ABRUZZO
5 SPIAGGE SELVAGGE LUNGO LA COSTA DEI TRABOCCHI